American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Balata dei Turchi
Viaggi e turismo

Balata dei Turchi

Dove fare il bagno a Pantelleria

Redatto il:
Ultima modifica:

Balata dei Turchi è uno dei luoghi più suggestivi dell’isola di Pantelleria. Pur essendo un luogo di difficile accesso, durante l’estate accoglie migliaia di turisti amanti della natura incontaminata e che apprezzano i luoghi nascosti e isolati, caratteristici dell’isola. Per raggiungere Balata dei Turchi è necessario percorrere una strada sterrata molto stretta e ripida, difficilmente accessibile ai mezzi comuni: meglio munirsi di un fuoristrada o di uno scooter.

La spiaggia più bella di Pantelleria

Balata dei Turchi è un’incantevole baia formata da una suggestiva colata lavica sul mare, nella zona meridionale dell’isola, un tempo usata come scalo naturale dai pirati. Il nome deriva dall'arabo “balat”, ovvero “lastra di pietra”. È la località in cui, nel 1700 circa, i "turchi" - così era stato definito un gruppo di "barbareschi" di estrazione araba - erano sbarcati sull'isola, forse per procurarsi qualche "schiavo". A Pantelleria molte località e frazioni hanno nomi di derivazione araba: le popolazioni arabe sono rimaste sull'isola per circa 500 anni, tra il 700 ed il 1200.

Recenti studi archeologici hanno dimostrato che, pur essendo Balata dei Turchi una zona incontaminata, era già frequentata dall’uomo 7000 anni fa per l’estrazione dell’ossidiana, un vetro vulcanico di cui è ricca l’isola di Pantelleria, che si forma grazie al rapido raffreddamento della lava.

L'isola di Pantelleria

Pantelleria è un’isola di origine vulcanica, tanto da essere nota come la Perla Nera del Mediterraneo, un gioiello incastonato nelle acque del Mar Mediterraneo tra la Sicilia e le coste della Tunisia. L’ultima eruzione risale al XIX secolo: oggi i fenomeni vulcanici sono ridotti ad acque calde e soffioni di vapore.

Elementi naturali e architettonici dell’isola convivono in perfetta armonia, grazie ai “dammusi”, le tipiche abitazioni dell’isola costruite in epoca araba nel rispetto dell’ambiente circostante, progettate per adattarsi e fondersi con esso.

L’isola di Pantelleria ha molto da offrire sia agli amanti della natura sia agli appassionati di storia e cultura, grazie ai numerosi siti archeologici che conserva.

Se desideri concederti una cena a base di pesce fresco dopo una giornata trascorsa nella splendida baia lavica, ecco qualche indirizzo utile:

U Trattu 1957

I Giardini Dei Rodo

Trattoria Scauri

Potrebbe interessarti leggere anche:

Le più belle spiagge della Sicilia

Itinerario Sicilia Orientale

Tour della Sicilia Occidentale

Commenti

    Lascia un tuo commento