American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Cosa sono i droni contadini
Agroalimentare

Cosa sono i droni contadini

L’agricoltura di precisione è il futuro dell’agroalimentare in Italia

Redatto il:
Ultima modifica:

Sorvolano sulle nostre teste ma spesso non sappiamo riconoscerli. Cosa sono i droni contadini?

I droni contadini sono piccoli velivoli in grado di monitorare con precisione le coltivazioni, raccogliendo dati e informazioni sullo stato di salute e crescita delle piante. L’utilizzo dei droni agricoli consente di risparmiare acqua e diserbanti, migliorare la qualità dei raccolti e capire se le tecniche utilizzate siano migliorabili.

I sensori ad altissima precisione montati sui droni agricoli rilevano la luce a infrarossi, mostrando lo stato di salute della vegetazione. I rilievi video-fotografici realizzati dai droni agricoli costano meno e sono molto più precisi di quelli satellitari, consentendo di intervenire con precisione su particolari aree o addirittura sulle singole piante. Le mappe in 3D realizzate mostrano campi di decine di ettari con un margine di errore di pochi centimetri.

L’agricoltura di precisione

Questi piccoli velivoli stanno sempre più sorvolando campi di grano, risaie e vigneti del nostro Paese, anche se purtroppo l’applicazione dell’agricoltura di precisione interessa al momento soltanto l’1% della superficie agricola utilizzata – come ha spiegato il professor Michele Pisante, docente di agronomia a Teramo e responsabile di Agri-digit.

I dati rilevati dai droni contadini consentono di valutare quali piante stanno crescendo meglio e modificare – in alcuni casi diminuire - l’irrigazione in alcune aree. E ancora, è possibile vedere se il livello dell'acqua in una risaia si è abbassato troppo, quali aree di un campo hanno bisogno di essere concimate, quando è il momento di rimuovere le erbe infestanti.

L’agricoltura di precisione consente quindi una gestione sostenibile dell’agricoltura. Potendo contare su dati di precisione si evitano gli sprechi: un vero e proprio stop all’uso indiscriminato di erbicidi, pesticidi e fertilizzanti, che invece vengono distribuiti solo dove realmente necessari.

Inoltre, ci sono i droni che non si limitano a raccogliere dati, ma si sostituiscono al contadino. Sono già stati presentati alcuni modelli in grado di distribuire sementi e fitofarmaci sotto forma di polveri.

I droni contadini in Italia

In Italia i droni contadini stanno già fornendo un importante contributo nelle battaglie contro Xylella e Punteruolo rosso. In provincia di Cuneo, Confagricoltura ha utilizzato i droni agricoli per combattere i parassiti del mais. Coldiretti Lombardia sta monitorando le coltivazioni di pomodori fra Cremona, Mantova e Brescia – la nota TAF, Tomato Air Force.

Commenti

    Lascia un tuo commento