American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Come abbassare colesterolo
Cura e benessere della persona

Come abbassare colesterolo

Ridurre il colesterolo cattivo e aumentare quello buono

Redatto il:
Ultima modifica:

Per poter abbassare il colesterolo bisogna combinare una dieta corretta a un buon livello di attività fisica, migliorando in generale il proprio stile di vita. Dopo aver parlato nel precedente articolo di colesterolo buono e cattivo, andiamo a scoprire come diminuire la colesterolemia totale e il colesterolo LDL, a favore di una riduzione del rischio cardiovascolare.

Come si forma e cos’è il colesterolo

Nel corpo umano, il livello di colesterolo viene determinato per il 70% dalla produzione endogena e per il restante 30% tramite l’ingestione degli alimenti. Si tratta di una molecola lipidica indispensabile per il corretto funzionamento dell’organismo in quanto contribuisce alla formazione della vitamina D, permette la produzione di ormoni (come estrogeni e testosterone), favorisce la creazione delle pareti cellulari, aiuta a formare la bile per facilitare il processo di digestione. Il colesterolo si distingue in LDL, il cosiddetto “colesterolo cattivo”, e HDL o “colesterolo buono”. Il colesterolo alto aumenta la probabilità di insorgenza di arteriosclerosi, malattie coronariche e cardiovascolari (come ictus e infarti). Alimentazione squilibrata, sedentarietà, sovrappeso, diabete e fumo sono le cause principali dell’aumento del livello di colesterolo nel sangue.

Diminuire il colesterolo con l’alimentazione e lo sport

Come abbiamo detto, solo il trenta percento del colesterolo è determinato dall’alimentazione, ma con alcuni accorgimenti possiamo ridurre il colesterolo nel sangue del 5-10%. Una dieta corretta per abbassare il colesterolo cattivo e aumentare quello buono prevede la riduzione dei grassi saturi e l’assunzione di grassi insaturi. Tra i cibi suggeriti vi sono quelli ricchi di fibre alimentari (verdura, frutta, cereali integrali, legumi e funghi), di acidi grassi polinsaturi essenziali Omega3 (olio di soia, lino, noci, kiwi, carni e oli dei pesci azzurri e di quelli provenienti dai mari freddi), Omega6 (legumi, semi e oli di semi, frutta secca e oli di frutta, come noci, nocciole, mandorle, semi di girasole, pistacchi, semi di zucca, arachidi) e Omega9 (olive e olio vergine di oliva). Sono invece da evitare o ridurre il più possibile tutti i cibi ricchi di grassi animali come carne, salumi, frattaglie, burro, formaggi e tuorlo d’uovo.

In abbinamento alla dieta è indispensabile praticare regolarmente attività fisica riducendo il più possibile la sedentarietà. È consigliato smettere di fumare. Inoltre in caso di sovrappeso è necessario ridurre il peso corporeo (inteso come massa grassa).

Commenti

    Lascia un tuo commento