American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Colesterolo buono e cattivo
Cura e benessere della persona

Colesterolo buono e cattivo

Calcolo del colesterolo ottimale

Redatto il:
Ultima modifica:

Non tutti sanno che esiste un colesterolo buono e un colesterolo cattivo. Il colesterolo è necessario per il corretto funzionamento del nostro organismo, ma i valori ematici ritenuti normali devono essere inferiori ai 200 mg per 100 ml di sangue. Tuttavia è bene fare una distinzione tra colesterolo buono e colesterolo cattivo: il colesterolo totale si divide in:

  • colesterolo LDL, a bassa densità, il colesterolo cattivo
  • colesterolo HDL, ad alta densità, il colesterolo buono

Il colesterolo LDL è detto “colesterolo cattivo” perché un elevato livello di colesterolo LDL nel sangue aumenta il rischio di infarto e ictus. Questo perché quando è presente in quantità eccessive si ossida e si lega alle pareti delle arterie, ostacolando la corretta circolazione del sangue.

Al contrario, il colesterolo HDL è detto “colesterolo buono” perché ripulisce il sangue dal colesterolo in eccesso, impedendone l’accumulo. Un elevato livello di colesterolo HDL riduce quindi il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Valori colesterolo e trigliceridi

I valori relativi al colesterolo totale nel sangue dovrebbero essere inferiori a 200 mg/dl e il colesterolo LDL non dovrebbe superare i 160mg/dl. Ma oltre ai valori assoluti, è necessario considerare l’indice di rischio cardiovascolare, ovvero il rapporto tra colesterolo totale e colesterolo HDL, ovvero quello buono.

I valori di riferimento dell’indice di rischio cardiovascolare sono i seguenti:

  • inferiore a 5 per gli uomini
  • inferiore a 4,5 per le donne

Per esempio un uomo con 260 mg/dl di colesterolemia totale e 90 di colesterolo HDL, avendo un indice di rischio attorno a 3 è meno esposto al rischio di avere una malattia cardiaca rispetto a una persona che ha 200mg/dl di colesterolo totale ma con colesterolo HDL 40 mg/dl, avendo un indice di rischio cardiovascolare attorno a 5.

I trigliceridi, questi rappresentano la principale riserva energetica dell’organismo: è sotto questa forma che i nutrienti vengono depositati nel tessuto adiposo. Insieme alla determinazione del colesterolo, la trigliceridemia è un valore indispensabile per valutare il rischio cardiovascolare. I valori dei trigliceridi devono essere 40-170 mg/dl.

Colesterolo alto cibi da evitare

I cibi da evitare in caso di colesterolo alto sono: carni grasse e insaccati, latte e yogurt interi, burro e formaggi, frattaglie, salse come maionese e ketchup, fritture di vario tipo. Eliminare anche i superalcolici e limitare il consumo di alcol in generale.

Potrebbe interessarti anche:

Come abbassare il colesterolo

Commenti

    Lascia un tuo commento