American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Come aprire una piadineria
Artigianato

Come aprire una piadineria

Costi, requisiti e consigli pratici per aprire una piadineria

Redatto il:
Ultima modifica:

Aprire una piadineria può essere più semplice e immediato rispetto a un classico ristorante: la superficie richiesta è di minimo 40 metri quadrati con canna fumaria, non deve necessariamente offrire dei posti a sedere – volendo si può aprire anche solo una piadineria take away - e il menù, seppur possa proporre diverse varietà di piadine, richiede pochi ingredienti e non troppo dispendiosi.  

Per l’impasto bastano acqua, farina, sale e strutto. È quello che deciderete di offrire come farcitura ciò che modifica costi e prezzo finale.

Come aprire una piadineria: costi

L’investimento iniziale si aggira intorno ai 50 mila euro per coprire le spese dei macchinari, l’allestimento del locale, il primo acquisto degli alimenti, i costi del personale e della pubblicità. Per quanto riguarda lo staff, due persone part-time e una full-time sono sufficienti per gestire l’attività.

Per un’idea ben chiara dei costi, questi si possono dividere in due categorie:

costi ricorrenti: canone di locazione, spese dei dipendenti, contributi previdenziali INPS, utenze varie e costi delle materie prime

costi una tantum: (si verificano principalmente all’inizio dell’attività o in caso di rinnovo dei locali) spese per l’acquisto delle attrezzature e per l’allestimento

Come aprire una piadineria: i requisiti

Il proprietario deve aver lavorato per almeno due anni nel settore o aver partecipato – o partecipare prima dell’apertura – a un corso Ical per la somministrazione e vendita di prodotti alimentari e al corso Hccp per l’igiene e la sicurezza. Questi gli unici ma fondamentali requisiti richiesti per l’apertura di una piadineria.

Come aprire una piadineria: gli aspetti burocratici

Una buona idea è farsi assistere da un commercialista poiché alcune norme possono rivelarsi complicate e insidiose. Ecco i passaggi burocratici necessari e obbligatori per aprire una piadineria:

  • segnalare l’apertura dell’attività al Comune
  • apertura della Partita IVA
  • iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio
  • richiedere il nulla osta dell’ASL per requisiti igi3enici e di sicurezza del locale
  • iscrizione all’Albo delle Imprese Artigiane

Aprire una piadineria e avere successo

Scelta della location

Se si vuole aprire una piadineria è importante tenere in considerazione il fattore concorrenza, che in questo settore è davvero molto alta e spietata: scegliere il luogo giusto è fondamentale per la riuscita del business.

Preferire una via di forte passaggio oppure nelle vicinanze di uffici. Una valida alternativa, è aprire la piadineria vicino a scuole, sale cinematografiche e in aree residenziali .

Qualità delle materie prime

Un altro fattore capace di decretare il successo o il fallimento di un’attività è la qualità del prodotto. Offrendo un prodotto buono è facile che i clienti tornino e facciano scattare il famoso passaparola, fondamentale per la riuscita di un’attività di questi tipo.

Non è richiesto frequentare un corso di cucina o specializzato ma è importante scegliere ingredienti di ottima qualità – prendete in considerazione prodotti a km 0 – combinarli e sviluppare non solo ricette classiche ma anche più creative, magari con attenzione alla stagionalità dei prodotti.

Tenete in considerazione le specifiche esigenze alimentari senza dimenticare chi soffre di intolleranze e/o allergie ma anche chi ha scelto uno stile di vita differente, come vegetariani e vegani. Questa attenzione al cliente sarà apprezzata e sicuramente ripagata.

Usare bene la pubblicità

Il passaparola è importante ma non deve essere l’unico modo per farvi pubblicità, soprattutto all’inizio. Oltre al classico volantinaggio, esistono soluzioni che il mondo web offre e che permettono di raggiungere un numero altissimo di potenziali clienti.

Se potete fatevi aiutare da degli esperti del settore: è una spesa che vale la pena affrontare, specialmente se assicura dei risultati.

Aprite una pagina facebook aziendale, create un sito web ben fatto e usate la pubblicità online(Campagne Google AdWords e Facebook ADS.)

Come dicevamo prima, la concorrenza è alta e spietata ed è importante farsi vedere e proporsi al meglio.

Commenti

    Lascia un tuo commento