American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Come riciclare bottiglie plastica
Casa e tempo libero

Come riciclare bottiglie plastica

Riutilizzare le bottiglie di plastica

Redatto il:
Ultima modifica:

La tematica ambientale è più che mai emergente, in particolare per quanto riguarda il riciclo della plastica. Ogni anno sono davvero tante le tonnellate di questo materiale che si ha la necessità di smaltire. Oltre che attraverso acquisti più consapevoli e tagli sugli imballaggi, una tecnica sempre più efficace consiste nel trovare nuovi impieghi a tali rifiuti, in particolare quando si tratta di bottiglie in PET. Come riciclare le bottiglie di plastica? Le soluzioni sono numerose e molto originali, in grado di far risparmiare soldi e diminuire la mole di rifiuti prodotta da ogni famiglia. Scopriamo insieme alcune soluzioni per riutilizzare le bottiglie di plastica.

Il riciclo creativo delle bottiglie di plastica

Sempre più in voga, il riuso fantasioso della plastica stimola la fantasia di tanti, che trovano modi sempre nuovi per trasformare un rifiuto in qualcosa di bello e decorativo, oltre che utile. Il riciclo creativo delle bottiglie di plastica offre la possibilità di realizzare contenitori e decorazioni facilmente, senza necessariamente avere doti artistiche. Spesso sono sufficienti solo un paio di forbici o, per i più creativi, qualche tempera e pennello. Vasi, semenzai, palette, scope, decorazioni, bicchieri: le declinazioni di una bottiglietta d’acqua sono pressoché infinite. Vediamone alcune un po’ fuori dal coro.

Riciclo bottiglie di plastica: idee

Spesso si ha dubbi sulla qualità dell’acqua del rubinetto e si preferisce acquistarla in bottiglia. Così ci si ritrova con una quantità impressionante di contenitori vuoti da gettare, che non si sa mai dove posizionare. Per il riciclo delle bottiglie di plastica le idee in grado di trovar loro una nuova destinazione d’uso sono tante. Ecco le più simpatiche:

  • Orto verticale: posizionate a testa in giù sulla rete del giardino o la ringhiera in ferro battuto del balcone, le bottiglie tagliate a metà diventano dei contenitori perfetti per piccole piante fiorite o per le erbe aromatiche
  • Lampade fiorite: la parte superiore della bottiglia può essere tagliata a spicchi che convergono verso il collo. Una volta aperti formeranno delle delicate margherite, perfette per creare lampade di ogni dimensione
  • Separé e tende decorative: e i fondi di bottiglia? Tagliati quasi a filo diventano eleganti fiorellini, che uniti tra loro con il filo di nylon regalano preziose decorazioni a costo zero
  • Vasi per il davanzale: per un piccolo orto o una composizione di piantine grasse da posizionare sul davanzale una bottiglia con un’ampia finestra sul fianco diventa un vaso originale e pratico
  • Portagioie: i fondi delle bottiglie si trasformano in un elegante portagioie, basta tagliarli da bottiglie di varia capienza, impilandoli dal più grande al più piccolo su un’asta di ferro. Ogni piano sarà bloccato da rondelle e bulloni
  • Portariviste: eliminandone il collo, la bottiglia diventa un tubo dentro il quale arrotolare riviste e giornali, disponendoli ordinatamente sul muro. Sarà sufficiente ancorarli a un’asta con delle viti e poi fissare quest’ultima alla parete

E i tappi delle bottiglie di plastica?

Finora abbiamo visto principalmente come utilizzare l’intero contenitore in PET, più o meno tagliato. Ma i tappi delle bottiglie di plastica che fine fanno? Questa parte non è un rifiuto come gli altri, ma ha un’importanza tutta particolare, non solo da un punto di vista ecologico, ma anche etico. Esistono infatti numerose associazioni e comunità che organizzano dei centri di raccolta di questo particolare elemento, che richiede un processo di riciclaggio a sé stante poiché realizzato in polietilene (PE). Dalla loro raccolta e dal conseguente conferimento presso le discariche autorizzate, questi enti benefici ottengono delle somme di denaro che investono in progetti umanitari di varia natura, destinati ai disabili o al terzo mondo.

Commenti

    Lascia un tuo commento