American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Cos'è il parkour?
Sport

Cos'è il parkour?

Una disciplina completa che unisce corsa, arrampicata e salto

Redatto il:
Ultima modifica:

Il parkour è una disciplina sportiva che prevede un percorso da seguire a corpo libero, sfruttando esclusivamente la forza fisica e muovendosi nel modo più semplice, sicuro e fluido tra gli ostacoli di una città. Il traceur, la persona che pratica parkour, supera gli ostacoli del suo percorso attraverso volteggi, salti, scalate e arrampicate. Questa “arte del movimento” nasce in strada e quindi gli ostacoli sono rappresentati dalle strutture architettoniche e dagli arredi urbani come muri, pali, cornicioni e panchine.

Il parkour è una pratica sportiva completa: corsa, arrampicata e salto sono le attività che stanno alla base della pratica del parkour.

Il parkour non è uno sport competitivo

Il parkour non è una gara. Il traceur è in competizione soltanto con se stesso: l’allenamento è volto a spostare sempre più in là i propri limiti, portando corpo e mente a misurarsi con distanze e altezze sempre maggiori, per essere in grado di affrontare percorsi via via più complessi.

Il parkour è pericoloso?

In rete sono presenti numerosi video di atleti molto allenati che si esibiscono in acrobazie spettacolari: queste in realtà sono il risultato di un duro allenamento, praticato con costanza e per lungo tempo. In realtà l’atleta arriva a compiere un salto o un volteggio soltanto quando è sicuro di poterlo praticare in sicurezza, perché si è allenato abbastanza per riuscire a coprire quella distanza.

Il parkour aiuta a superare i propri limiti

Il parkour aiuta a prendere coscienza delle proprie capacità, a svilupparne di nuove con un allenamento costante, e quindi a realizzare nel tempo passaggi che sembrano impraticabili e impossibili quando ci si approccia a questa disciplina.

Chi può praticare il parkour?

Il parkour è una disciplina per tutti: l’obiettivo è il miglioramento motorio, quindi può avvicinarsi al parkour anche una persona di 50 anni. Chiaramente i bambini e i ragazzi sono avvantaggiati perché generalmente più coraggiosi e possono contare su una flessibilità articolare e un’agilità maggiori.

Com’è nato il parkour?

Il parkour trae ispirazione dal metodo naturale di Georges Hébert, un militare francese di fine ‘800 che ha formalizzato un metodo di allenamento per l’addestramento militare. La sua idea era che il miglior modo per allenare un uomo è farlo esercitare nei movimenti naturali richiesti in determinate circostanze. Il motto dell’Hebertismo è “Essere forti per essere utili”. David Belle, figlio di un pompiere addestrato con il metodo di Hebert, ha fondato il Parkour come disciplina e filosofia di vita negli anni ’90.

Commenti

    Lascia un tuo commento