American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Differenza tra centrifuga ed estrattore
Cura e benessere della persona

Differenza tra centrifuga ed estrattore

Le differenze tra i due elettrodomestici e il loro funzionamento

Redatto il:
Ultima modifica:

Se amate i succhi di frutta o i concentrati di verdura, nella vostra cucina non potranno mancare una centrifuga o un estrattore. Se è vero che con un semplice spremiagrumi potete prepararvi un succo di arancia o di pompelmo, non dovete dimenticarvi del numero infinito di possibilità che vi si apriranno con l’acquisto di questi due più evoluti elettrodomestici. Anche frutti come le mele o le pere (impossibili da spremere “manualmente” per via della consistenza), piuttosto che ortaggi come i broccoli (che normalmente mangiate soltanto dopo cottura) possono infatti essere consumati sotto forma di succo.

Non avete mai provato? Siete curiosi? Non vi resta che munirvi degli apparecchi necessari, ma la scelta non è scontata. Perché prima, sostanzialmente, bisogna sciogliere un dubbio: qual è la differenza tra centrifuga ed estrattore? Ecco tutto quello che occorre sapere:

Miglior estrattore

Questa macchina - detta anche “masticatore” per via dell’incessante lavoro di tritamento che effettua la coclea (lunga vite) al suo interno - ha un funzionamento “a freddo”. Se infatti una centrifuga effettua tra i 5000 e i 15000 giri al minuto per spremere frutta e verdura, un estrattore ne compie massimo 100. Questo garantisce un diminuito surriscaldamento del macchinario e dunque una minore esposizione del succo al processo di ossidazione.

Il miglior estrattore che potete desiderare è capace di consentire la resa di succo superiore del 20% circa rispetto ad una centrifuga; e renderla possibile anche per erbe e verdure a foglia (che non avrete utilizzando un apparecchio diverso). I prezzi di un estrattore variano molto in base alla marca e alle proprietà tecniche del prodotto; generalmente la fascia media comprende gli apparecchi più semplici a partire da 40-50 euro, fino ai macchinari più accessoriati che possono toccare anche i 500 euro di costo.

Ricette centrifuga

Se invece avete deciso di acquistare una centrifuga, complice anche il prezzo inferiore di questo elettrodomestico, ora non vi resta che provare a comporre il vostro primo succo. I centrifugati sono bevande molto saporite (esattamente come il frutto o la verdura che inserite nell’apparecchio) e decisamente salutari per il nostro organismo. Inoltre è un macchinario che consente di azzerare lo spreco, permettendo di recuperare gli “scarti” secchi e ri-utilizzarli per altri scopi ai fornelli: non ve ne dimenticate.

Le ricette centrifuga sono infinite e dipendono sostanzialmente dal vostro palato, dalla creatività e dalla pazienza di provare abbinamenti diversi. Quelli che vi consigliamo noi sono: prezzemolo e carote (magari anche con sedano e una mela), kiwhi e arance, limone e pera. Ma siete pronti a mettere alla prova la vostra fantasia culinaria?

Commenti

    Lascia un tuo commento