American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Gattini che rimangono piccoli
Animali

Gattini che rimangono piccoli

I gatti bassotti

Redatto il:
Ultima modifica:

Difficile resistere alla tenerezza di un cucciolo di gatto: riuscirebbe a farsi adottare anche da una persona fermamente convinta di vivere bene senza animali domestici. E che dire di quei gattini che rimangono piccoli

Gatti Munchkin: aspetto

I gatti Munchkin, simili nell’aspetto ai cani bassotti e per questo denominati anche “gatti bassotti”, prendono il loro nome dai nani omonimi del Mago di Oz. La loro caratteristica peculiare? Sono gattini che rimangono piccoli.

Hanno zampe molto corte e muscolose. Le zampe anteriori sono dritte e più corte di quelle posteriori. Il corpo è allungato, ma proporzionato. La testa è di forma triangolare con i contorni arrotondati, la fronte è piatta e le guance larghe. Gli occhi sono grandi, leggermente inclinati e piuttosto distanziati. Hanno orecchie triangolari di media lunghezza, dritte, con base larga e collo molto muscoloso, il dorso è largo e lungo, con ossatura e muscoli di media dimensione.

I Munchkin possono avere un mantello corto o semi-lungo, di vario colore ma sempre denso e setoso. Il peso può variare, in un gatto adulto, dai 3 kg per le femmine ai 4 kg per i maschi.

Gatti Munchkin: comportamento

I gatti bassotti sono gattini che rimangono piccoli anche nel temperamento: eterni giocherelloni, molto affettuosi, amanti dei bambini, sono atletici nonostante le zampe corte e convivono bene anche con altri animali.

Il Munchkin è frutto di una mutazione generica naturale, simile a quella che si verifica nello sviluppo dei cani bassotti, mantenuta durante i secoli con incroci selettivi tra felini con le stesse caratteristiche.

Pare da antiche testimonianze che i primi gatti bassotti fossero particolarmente diffusi in Europa da prima del XX secolo, poi se ne persero le tracce dopo la Seconda guerra mondiale e ricomparvero a New York negli anni Ottanta. Attualmente sono allevati negli Stati Uniti e in Francia.

I gatti più piccoli

Gli appassionati di gatti che rimangono piccoli possono orientarsi anche su gatti non bassotti ma di corporatura molto ridotta rispetto alla media. Hanno queste caratteristiche quelli di razza Singapura, Balinese, Tonkinese, Siamese, Burmilla e gli Abissini.

I Singapura, che prendono il loro nome dall’isola di provenienza, sono i più piccoli di tutti e il loro peso non va oltre i 2 kg e mezzo. I Balinesi sono di origine americana e vengono da un incrocio tra Siamesi e Angora a pelo lungo; il peso da adulti va dai 2 kg e mezzo ai 5 kg. I Tonkinesi nascono dall’incrocio tra un Siamese e un Burmese e non superano i 5 kg e mezzo di peso. I Siamesi sono gatti tailandesi e restano tra i 4 kg e i 4 kg e mezzo. I Burmilla nascono dall’accoppiamento tra Cincinnà e Burmesi e non vanno oltre i 4 kg di peso. Gli Abissini sono di provenienza etiope e si assestano da adulti sui 4,7 kg di peso.

Potrebbe interessarti anche: Cucciolo per i bambini: quale scegliere

Commenti

    Lascia un tuo commento