American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
L’oro bianco d’Italia: i formaggi piemontesi
Food & wine

L’oro bianco d’Italia: i formaggi piemontesi

Tanti tipi di formaggi da conoscere e gustare

Redatto il:
Ultima modifica:

La lunga e famosa tradizione casearia del Piemonte fa di questo territorio la meta perfetta per un viaggio di gusto, alla scoperta dei più buoni formaggi d’Italia e d’Europa. Non a caso, si parla di “oro bianco”, che ogni anno attrae migliaia di visitatori e turisti, desiderosi di scoprire i sapori e i profumi dei formaggi piemontesi e di tutti i prodotti enogastronomici del territorio.

Ogni zona del Piemonte vanta determinate tipologie di formaggio, molte delle quali godono dei marchi DOP (denominazione di origine protetta) e DOC (denominazione di origine controllata), a garanzia di qualità e genuinità.

L’ampia gamma di specialità casearie piemontesi permette di degustare tanti tipi di formaggi, prodotti con latte caprino o vaccino, stagionati o freschi, molli o duri e di soddisfare anche i palati più esigenti.

Il tipico formaggio piemontese: oltre 30 specialità

Tra i formaggi piemontesi più conosciuti al mondo e più esportati vi è sicuramente il Grana Padano, un prodotto duro e stagionato, legato principalmente ai territori di Cuneo, Alessandria, Biella e Asti.

Anche il Gorgonzola rappresenta il tipico formaggio piemontese ed italiano. Si tratta di una varietà molle e grassa, caratterizzata da venature verdi dovute alla formazione di particolari muffe.

Meritano una menzione speciale anche il Bra, il Castelmagno, il Toma (conosciuto già in epoca romana), la Robiola, il Murazzano, il Raschera, l’Ossolano e il Taleggio, che ha origini antichissime, probabilmente risalenti ad un’epoca antecedente al X secolo.

In totale, si contano più di trenta formaggi tipici del Piemonte, di cui nove con marchio DOP.

produzione formaggi piemontesi

L’antica arte piemontese della produzione di formaggio

La tradizione casearia piemontese è molto antica e nasce con l’arrivo di mandrie di bovini insieme alle popolazioni indoeuropee intorno al 5000 a.C. Qui la produzione di formaggio ha percorso i millenni, migliorando i processi produttivi, sperimentando nuove specialità e permettendo al Piemonte di diventare non solo la culla dell’arte casearia italiana, ma anche l’unica regione d’Italia in grado di competere con i francesi nella lavorazione di formaggi di capra a coagulazione acida.

I formaggi piemontesi si sposano perfettamente con tanti piatti e ricette, ma si possono gustare anche come vere e proprie pietanze, meglio se accompagnati con i migliori vini del posto.

Commenti

    Lascia un tuo commento