American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Moeche fritte
Food & wine

Moeche fritte

Periodo e ricette delle “pepite veneziane”

Redatto il:
Ultima modifica:

Nella Laguna di Venezia sono presenti dei piccoli granchietti morbidi, detti moeche, che costituiscono la base per una delle ricette maggiormente apprezzate da buongustai provenienti da tutto il mondo. Questi piccoli crostacei vivono nelle zone adiacenti ai porti di Burano, Pellestrina, Treporti, Giudecca e Chioggia.

Le moeche fritte sono un’autentica delizia, gustosa sia come antipasto (magari prima di una pasta con frutti di mare) sia come contorno (ad accompagnare un ricco piatto di pesce fresco): questa specialità veneziana è un piacere che non vi potete negare. Già, ma quando arriva il momento delle moeche? Come e a che prezzo è possibile mangiarle? Ecco tutto quello che occorre sapere.

Moeche fritte periodo

Il momento della muta, ovvero quello in cui i crostacei abbandonano la corazza e si presentano morbidi, cade in primavera (tra aprile e maggio) e in autunno (a cavallo tra ottobre e novembre). In quelle settimane le “masanete”, come vengono chiamate dagli abitanti della Laguna, vengono pescate e possono essere servite a tavola: è proprio questo il periodo delle moeche fritte. Ogni anno i pescatori della zona riempiono i propri secchi di granchi, prima di svolgere alla fine della battuta il cosiddetto “tamiso”, ovvero la separazione tra granchi comuni (che vengono ributtati in acqua) e moeche. Anche a fine agosto e inizio settembre, comunque, avrete l’occasione di mangiare questi crostacei, se siete fortunati.

Come si mangiano moeche fritte

Le “masanete” conservano nella propria ricetta la tradizione veneziana. È dunque dal punto di vista di un abitante della zona che dovrete rispondere alla domanda che sicuramente vi state ponendo: come si mangiano le moeche fritte?

Per prepararli al meglio, i crostacei vanno messi (ancora vivi) in una terrina piena di uovo sbattuto. Quando lo hanno mangiato tutto è il momento di infarinarli e metterli a friggere in una padella di olio (già bollente). In pochi minuti vedrete la superficie diventare dorata sotto e rossa sopra. È il segnale che stavate aspettando: a questo punto vanno solo asciugate e servite in tavola, magari con del buon vino bianco.

Prezzo moeche

La pesca di questi granchi, soprattutto nel rispetto della tutela ambientale della Laguna, è molto laboriosa e complicata. Per questo il prezzo delle moeche può risultare spesso elevato, anche se oscilla ampiamente in base alle stagioni e alla produttività delle battute di pesca. Nel 2016, al Mercato di Rialto a Venezia, il costo si aggirava tra i 5 e i 7 euro al pezzo e tra i 50 e i 70 euro al chilo. Ma, seguendo le istruzioni precedenti, la somma spesa sarà ampiamente ripagata dalla leccornia che potrete servire a tavola.

Commenti

    Lascia un tuo commento