American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Occhio tremolante, quali sono le cause
Cura e benessere della persona

Occhio tremolante, quali sono le cause

Cause, sintomi e rimedi occhio tremolante

Redatto il:
Ultima modifica:

Le cause dell'occhio tremolante sono molteplici e spesso non sono legate a patologia particolari bensì alla più classica ansia, allo stress, stanchezza e tutte quelle situazioni continue in cui non ci riconosciamo più e abbiamo bisogno di “staccare” la spina per qualche tempo.

La tradizione popolare lo vuole legato all'arrivo di una buona notizia e a seconda che sia il destro o il sinistro a tremare, l'evento potrebbe essere immediato (in caso sia il destro a tremare) oppure bisogna attendere (nel caso del sinistro).

 

Per la Cina invece l'occhio che trema potrebbe essere sintomo di sventura o immensa fortuna a seconda di quale sia a tremare e a che ora del giorno! In Veneto esiste addirittura un detto popolare: “se te bala l’ocio zanco, paroa santa, se te bala l’ocio dritto, paroa mal dita;” se ti balla l’occhio sinistro, parola santa, se ti balla l’occhio destro, parola mal detta .

Possibili cause occhio tremolante

L'occhio che trema, che sia in gravidanza o in condizioni normali, come già detto è riconducibile molto probabilmente a condizioni psicologiche poco serene piuttosto che a malattie particolare. Il sintomo viene definito “mioclono” ed è lo spasmo di ciglia o palpebre, superiori o inferiori involontario.

 

I fattori che generano questa contrazione involontaria della palpebra sono diversi: stress ed ansia in primis ma anche un eccessivo affaticamento dell'occhio, dovuto ad esempio ad un lavoro prolungato e costante al PC, o a lunghi periodi di lettura con luce artificiale.

Anche l'alimentazione potrebbe esserne la causa: un abuso di caffeina o teina potrebbero avere questo risultato poiché sono sostanze eccitanti che stimolano il corpo e farne abuso non è mai consigliato.

 

Il miocolono può essere un sintomo di mancanza di potassio e magnesio nell'organismo, in questo caso riequilibrare la propria dieta porterà sicuramente miglioramenti. Infine, fra le cause più comuni, vi troviamo allergie oppure secchezza del bulbo oculare.

Esistono comunque casi più gravi legati delle vere e proprie patologie o malattie, in questo caso la contrazione assume il nome di blefarospasmo, che in casi estremi può portare ad una cecità funzionale.

Occhio che trema

Le soluzioni popolari e mediche per l'occhio tremolante 

I rimedi per l'occhio che trema o mioclomia, sono molto semplici e spesso riguardano il nostro modo di vivere o semplicemente la nostra alimentazione. Aiutandosi con alimenti che aiutano la depurazione dell'organismo e rafforzano il fegato e il suo lavoro si possono avere dei buoni risultati in tempi anche brevi.

 

Ridurre la caffeina e la teina, eliminare l'alcool e aumentare l'assunzione di magnesio e potassio sono passi facili da fare e se si vuole fare le cose per bene, ci si può rivolgere ad un nutrizionista o un dietologo, facendo le dovute analisi, per farsi assegnare una buona dieta.

 

In caso in cui gli spasmi siano legati alla secchezza del bulbo oculare o alla stanchezze dell'occhio il modo migliore di procedere è una vista dall'oculista e la diminuzione delle cause di stress dove possibile (l'uso del PC, la lettura prolungata ecc..). 

Ci sono anche rimedi naturali, fermo restando che l'ultima parola è della medicina, che aiutano molto ad alleviare lo spasmo: fare degli impacchi di camomilla umidi almeno una volta al giorno aiuta a rilassare il bulbo oculare, come anche le gocce di collirio.

Benessere degli occhi

Quando il tremore all'occhio è patologia

Il caso di Blefarospasmo invece è un sintomo che come già detto è legato a delle patologie e generalmente viene trattato tramite infiltrazioni di tossina botulinica presso dei centri specializzati. Questa soluzione non è definitiva e dev'essere ripetuta.

Il blefarospasmo non è molto comune e si presenta in condizioni particolari. Vale la pena comunque affrontare il discorso con il proprio medico di famiglia per evitare di andare in panico senza motivo.

Commenti

    Lascia un tuo commento