American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Piatti tipici abruzzesi
Food & wine

Piatti tipici abruzzesi

I cavalli di battaglia della cucina abruzzese

Redatto il:
Ultima modifica:

La cucina tradizionale dell’Abruzzo è molto varia, così come ampio e diversificato è il suo territorio. La tradizione culinaria regionale abbraccia sia pietanze del mondo contadino e pastorale originarie dell’entroterra, che marinare, nate nella zona costiera. Lo storico isolamento di questo territorio ha consentito ai piatti tipici abruzzesi di restare pressoché invariati nei secoli, senza subire influenze esterne, mantenendo la tradizione gastronomica di questa terra fortemente radicata e indipendente. Tanti i prodotti tipici che questa piccola regione offre e che spaziano dai salumi ai dolci. Partiamo alla scoperta di alcune delle pietanze più diffuse e apprezzate della cucina abruzzese.

Ricette abruzzesi: primi piatti

La pasta, soprattutto se fresca e fatta in casa, è la regina indiscussa di questa cucina. Tra le ricette abruzzesi i primi piatti meritano un posto d’onore, tanta è la dedizione, la ricchezza e la fama di alcuni di essi.

Pasta alla pecorara

Questo piatto è preparato con un formato di pasta particolare, a forma di anello, chiamata appunto anellini. La pasta alla pecorara è una delle più tipiche del territorio, caratterizzata da un ricco condimento a base di ortaggi e ricotta fresca, rigorosamente di pecora. Il segreto sta nella cottura di melanzane, peperoni rossi e zucchine, che devono essere stufati separatamente, per incontrarsi solo alla fine, con l’aggiunta di un sugo semplice - precedentemente cotto a parte -, a base solo di pomodoro, il tutto saltato in padella insieme alla pasta appena scolata. Solo nel piatto si aggiunge la ricotta fresca, a mo’ di montagnola.

Maccheroni alla chitarra

Simbolo della cucina abruzzese, i maccheroni alla chitarra sono un tipo di pasta all’uovo lavorata a mano, una specie di spaghetto di forma quadrata ottenuto attraverso l’utilizzo di uno strumento tradizionale chiamato appunto “chitarra”. Un piccolo telaio in legno sostiene dei fili d’acciaio tesi e disposti parallelamente, su quali viene stesa la pasta, una sfoglia alla volta. Al passaggio del mattarello, la tela taglia l’impasto conferendo la tipica sezione quadrata e una grande porosità, indispensabile per accogliere il ragù o il tipico sugo di carne con cui viene condito questo piatto.

Secondi piatti di carne

Quando si parla di carne in Abruzzo si pensa subito a lui, l’arrosticino. Ma non è l’unico tra i secondi piatti di carne della cucina regionale. Ne esistono numerosi, di cui molti sempre a base di pecora o agnello. Vediamone alcuni.

La pecora alla callara

Tipicamente legata allo scenario pastorizio, questa antica ricetta è diffusa in particolare nelle zone montane della Marsica. Le sue antiche origini risalgono al periodo della transumanza, quando i pastori si nutrivano delle pecore che non erano più in grado di continuare il lungo cammino cuocendole in paioli di rame. La lunga cottura di questo piatto – che richiede dalle tre alle sei ore – rende la pecora alla callara una specie di stufato, che sobbolle in grandi pentole di coccio, piene fino all’orlo di sugo e condite solo con spezie tipiche mediterranee, come alloro, rosmarino, cipolla e peperoncino. Questo procedimento è in grado di regalare una carne morbida e succulenta, che si scioglie in bocca.

Pallotte cace e ova

Questo piatto merita un discorso a parte, poiché è considerato un secondo, gustoso e nutriente, anche se non a base di carne. Piatto povero, erede della tradizione contadina, le pallotte cace e ove sono polpette formate esclusivamente da pane, formaggio e uova, fritte e poi lasciate cuocere nel sugo di pomodoro. Tipiche del periodo pasquale, sono un antipasto perfetto, dal sapore deciso e caratteristico, ma possono anche costituire una cena sfiziosa, dipende tutto da quante se ne mangiano!

Per assaporare a pieno i migliori piatti della tradizione abruzzese vi consigliamo di scegliere una trattoria dell’entroterra, dove le pietanze vengono preparate con ingredienti locali e nel rispetto delle ricette tradizionali. Trattoria della Resistenza a Teramo, Lu Strego a Farindola (PE) o Il Fungarolo a Villa Celiera (PE) sono alcuni esempi di ristoranti con cucina tipica.

Potrebbe interessarti anche:

Elenco erbe aromatiche

Commenti

    Lascia un tuo commento