American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Puntura calabrone nero: cosa fare
Animali

Puntura calabrone nero: cosa fare

Dalla semplice irritazione cutanea alle più gravi allergie al veleno dell’insetto

Redatto il:
Ultima modifica:

Il calabrone nero è un insetto appartenente alla famiglia Apidae, scientificamente chiamato “ape legnaiola”. Èuna specie solitaria, particolarmente diffusa nell’Europa centrale e meridionale. Il corpo è nero con riflessi violacei mentre le ali hanno una colorazione viola cangiante. Ha un robusto pungiglione il cui uso non determina la morte dell’insetto. Contrariamente a quanto si pensa, questa specie è poco aggressiva e per questo una puntura di un calabrone nero è un evento sporadico che ricorre prevalentemente nei mesi caldi.

calabrone nero morso

Cosa avviene a seguito del morso del calabrone nero

Cosa accade quando si viene punti da un calabrone nero? La prima sensazione che si avverte subito dopo il morso è un forte di dolore, provocato dal veleno che viene inoculato dall’apparato pungitore. Il pungiglione raramente resta conficcato nella pelle con la prima puntura, per cui può attaccare nuovamente e iniettare una nuova dose di veleno nel corpo.

Subito dopo il morso del calabrone nero si manifesta anche una reazione cutanea simile a un pomfo rosso e gonfio. Il dolore e l'irritazione cutanea dovrebbero alleviarsi e scomparire nel giro di poco tempo.

Nei soggetti ipersensibili, il gonfiore più essere più accentuato, tanto da allargarsi per buona parte della zona punta ed arrivare a un diametro superiore ai 10 cm.

I casi più gravi dovuti alla puntura di un calabrone nero si verificano quando il soggetto manifesta una reazione allergica più o meno severa al veleno dell’insetto.

puntura calabrone mortale

Si può ritenere la puntura di calabrone mortale?

Quando si viene punti da un grosso insetto, vi è sempre un po’ di apprensione riguardo alle reazioni che può manifestare l’organismo. Generalmente la puntura di un calabrone nero non dovrebbe generare preoccupazione, poiché i sintomi tendono a regredire nel giro di qualche giorno.

Tuttavia, nei casi di ipersensibilità e allergia, si deve ritenere la puntura di un calabrone mortale? Il veleno di questi insetti presenta delle componenti con attività allergenica, cioè in grado di attivare il sistema immunitario dell’uomo. Ad ogni modo, le concentrazioni di veleno iniettate attraverso il pungiglione sono talmente ridotte che si può dire che il morso di un calabrone non è letale per l’uomo.

Esistono comunque dei casi di reazioni allergiche molto severe che possono essere potenzialmente letali poiché inducono lo shock anafilattico. In queste situazioni occorre intervenire tempestivamente.

puntura calabrone cortisone

Si può utilizzare il cortisone per la puntura di un calabrone nero?

Nei casi in cui si è conoscenza di un’allergia agli imenotteri, quindi anche al veleno dei calabroni neri, è necessario adottare delle misure di prevenzione con l’aiuto di un medico allergologo specializzato.

Inoltre, il paziente dovrebbe poter attingere nel più breve tempo possibile a dei farmaci di primo soccorso, come l’adrenalina, gli antistaminici e il cortisone per la puntura di un calabrone nero. Questi servono a far guadagnare tempo al paziente, che poi deve necessariamente rivolgersi ad un Pronto Soccorso o ad un centro specializzato.

Chi soffre di queste allergie può comunque condurre una vita normale e senza troppa apprensione, poiché le moderne tecniche di immunoterapia permettono di raggiungere una percentuale di effetti indesiderati davvero trascurabili e raggiungere, così, un dosaggio ottimale della terapia.

Commenti

    Lascia un tuo commento