American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Lo smalto fa male alle unghie?
Cura e benessere della persona

Lo smalto fa male alle unghie?

Unghie forti e belle senza rinunciare allo smalto

Redatto il:
Ultima modifica:

Lo smalto fa male alle unghie se utilizzato con troppa frequenza. Le unghie hanno bisogno di respirare per rimanere sane e forti. Un uso ininterrotto dello smalto può portare le unghie a ingiallirsi e indebolirsi.

Lo smalto è una vera e propria vernice composta da molti componenti chimici che usati in misura eccessiva possono diventare tossici anche per la pelle. Si consiglia quindi di alternare l’applicazione di smalti con periodi di riposo per le unghie. L’ideale sarebbe lasciar respirare le unghie per almeno due giorni alla settimana. Nei giorni in cui le unghie sono prive di smalto, si consiglia l’applicazione di un burro per le cuticole e un olio rinforzante per le unghie.

Quali sostanze evitare negli smalti

Le sostanze più dannose da evitare quando si acquista uno smalto sono: formaldeide, toluene, canfora, dibutil ftalato e sulfonamide. Queste sostanze chimiche contribuiscono a indebolire le unghie.

E’ consigliabile inoltre rimuovere lo smalto con solventi privi di acetone, dannoso per le unghie ma anche tossico per l’ambiente e per gli animali. Meglio evitare anche il metanolo, sostanza chimica che sostituisce l’acetone, oltre all’alcol denaturato.

Quali sostanze contengono gli smalti

Anche una scelta accurata e attenta dello smalto da applicare alle unghie, non rende esenti dai rischi che si corrono per una scarsa ossigenazione delle unghie, che periodicamente si rende in ogni caso necessaria. Tutti gli smalti sono infatti vernici che contengono sostanze chimiche che impediscono all’unghia di respirare. Tra i componenti chimici dello smalto ci sono nitrocellulosa e solventi, coloranti, resina, gelificanti, glicerina, carbonato di calcio, oli e grassi vegetali e altri componenti chimici, in quantità variabile a seconda dello smalto. Oli e i grassi animali o vegetali servono per dare viscosità allo smalto e tra i più comunemente usati ci sono la vaselina, la glicerina, la cera d’api, la lanolina, il silicone. Lo smalto è inoltre composto di rocce e minerali che danno vivacità e brillantezza al colore.

Cosa fare per avere unghie resistenti

Nei giorni di riposo dallo smalto, si consiglia di seguire alcuni accorgimenti che possono aiutare a contrastare la fragilità delle unghie, rendendole più sane e resistenti:

  • idratare unghie e cuticole più volte al giorno
  • tenere le unghie corte
  • utilizzare solventi naturali privi di acetone e metanolo
  • assumere un integratore di biotina, utile per favorire l’ispessimento delle unghie
  • ricorrere ad alcuni semplici rimedi naturali, come l’olio essenziale di limone, l’olio di cocco, l’olio di oliva e l’aceto di mele

Se ti è piaciuto questo articolo ti interesserà sicuramente sapere Come rinforzare le unghie.

Commenti

    Lascia un tuo commento