American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Nero di Troia
Food & wine

Nero di Troia

Vino Nero di Troia, da dove proviene e i migliori abbinamenti

Redatto il:
Ultima modifica:

Il Nero di Troia è un vino originario del Gargano e viene prodotto con le uve di Troia, un antico vitigno delle terre pugliesi che rappresenta la terza varietà di uva pugliese a bacca nera di maggiore importanza commerciale, dopo il Primitivo e il Negro Amaro.

Viene coltivato principalmente nella zona di Castel del Monte, nell’Alta Murgia. Un’area dominata da vigneti e ulivi secolari in cui il clima è caldo e ventilato, mitigato dalle brezze del mare.

Anticamente, questo vino veniva usato per tagliare altri vini ma nel corso degli anni è stato completamente rivalutato. Il Castel del Monte Nero di Troia Riserva, infatti, è stato riconosciuto DOCG nel 2011 e si sta affermando ancora oggi come una vera eccellenza del territorio dell’Alta Murgia grazie alle sue particolari caratteristiche. È un vitigno che dona vini strutturati, ricchi e intensi.

Nero di Troia: le caratteristiche

Il Nero di Troia si caratterizza per l’elevata tannicità delle uve e la buona predisposizione all’affinamento. Spesso viene assemblato a vitigni più morbidi, come il Montepulciano, per smorzare quel carattere forte ma poco raffinato che lo contraddistingue raggiungendo l’eleganza e la delicatezza di Baroli e Amaroni.

Nero di Troia: la degustazione

Chi ha avuto modo di assaporare questo vino delle terre del Gargano lo ha inserito fra i vini più importanti della Puglia per il suo colore rosso rubino e il profumo dalle note fruttate che ricorda le marmellate di frutta, erbe selvatiche e agrumi. Al palato si presenta morbido e rotondo con una forte consistenza dovuta alle uve tanniche che non disturba mai il palato. La temperatura ideale per la degustazione varia dai 16 ai 18° C e per sentirlo a pieno si consiglia di utilizzare un bicchiere ampio da vini rossi o baloon.

Nero di Troia: come abbinarlo in cucina

Il Nero di Troia va sempre accostato a primi piatti importanti, formaggi stagionati, carne cotta alla brace e selvaggina. È perfetto se accompagnato a secondi di carne tipici del territorio, come l’agnello in agrodolce e la faraona ripiena e arrosto.

Se volete inserire una degustazione di vini durante la vostra vacanza in Puglia scoprite quali sono i percorsi enologici e i tour delle cantine del Gargano. Sicuramente non mancherete di assaporare il gusto corposo del Nero di Troia.

Commenti

    Lascia un tuo commento