American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Calcolo IMU seconda casa
Casa e tempo libero

Calcolo IMU seconda casa

Imposta Municipale Unica su abitazioni diverse dalla principale

Redatto il:
Ultima modifica:

Chi possiede più di un’abitazione sa che su quella (o quelle) presso la quale non ha la residenza dovrà pagare un’imposta aggiuntiva: l’IMU. Come si effettua il calcolo dell’IMU sulla seconda casa? Bisogna innanzitutto conoscere la rendita catastale, che viene rivalutata del 5%, calcolare il valore catastale (con un aumento del 60%) e l’imposta lorda con l’aliquota prevista dal comune di riferimento.

Come viene calcolata l’IMU sulla seconda abitazione?

Il metodo più semplice e affidabile per poter calcolare gratuitamente l’Imposta Municipale Unica per la propria seconda abitazione è compilando il modulo presente sul sito delle amministrazioni comunali: lo potete trovare qui.

I dati fondamentali che vanno indicati all’interno del form sono:

  • il codice catastale del comune (si può calcolare in automatico inserendo il nome esatto della località);
  • la categoria/tipologia (abitazione, casa di pregio, terreno, box, ecc.);
  • la rendita catastale (la troviamo sull’atto di compravendita dell’immobile o possiamo richiederla tramite visura catastale). Essa viene rivalutata in automatico dal sistema del 5%;
  • la percentuale di possesso (max. 100%) e i mesi di possesso in un anno (max. 12);
  • l’aliquota IMU del Comune di appartenenza: viene proposta in automatico nel modulo, ma potrebbe non essere aggiornata o non censita, si suggerisce quindi sempre di informarsi presso il Comune riguardo alle aliquote corrette;
  • l’eventuale condizione di inagibilità o storicità dell’immobile: in questi due casi si ha una riduzione del 50%.

Legge di Stabilità 2016

Secondo quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2016, si ha una riduzione del 50% della base imponibile per quegli immobili abitativi concessi in comodato d’uso a parenti di primo grado (figli o genitori) come abitazione principale. Per quanto riguarda le abitazioni con canone di locazione concordato, l’IMU viene ridotta al 75%.

Potrebbe interessarti anche: Come tenere i conti domestici.

Commenti

    Lascia un tuo commento