American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Itinerario degustazione vini Sardegna
Viaggi e turismo

Itinerario degustazione vini Sardegna

Alla scoperta dei vitigni sardi, da Olbia a Cagliari, dal Cannonau al Vermentino

Redatto il:
Ultima modifica:

Antichi Poderi Jerzu, Via Umberto I 1 a Jerzu, Ogliastra

L’itinerario di degustazione dei vini di Sardegna inizia con il Cannonau (o Canonau). Antichi Poderi Jerzu, situata nella zona dell’Ogliastra, è l’azienda famosa per la produzione di questo ottimo rosso. Venne fondata nel 1950 come cantina sociale da 45 soci i quali lavoravano le uve Cannonau.

Azienda Vinicola Cherchi Giovanni Maria, Località sa Pala ‘e sa Chessa a Usini, Sassari

Nota per la produzione di Vermentino, Cagnulari e Cannonau, l’Azienda Vinicola Cherchi nasce nel 1970 e, storicamente, inizia nei primi anni ’80 l’imbottigliamento del famoso Vermentino di Ursini. Gli attuali 30 ettari di vigneti consentono di produrre 7 tipologie di vino: 3 bianchi e 4 rossi, oltre che 2 distillati.

Santa Maria La Palma, via Zirra a Santa Maria La Palma, Sassari

Dal Cannonau al Vermentino, dal Monica di Sardegna al Cagnulari: la cantina Santa Maria La Palma venne fondata negli anni ’50 in seguito ai piani di sviluppo agricolo che aumentarono l’area di terreni dedicati all’agricoltura. Situati tra la baia di Porto Conte e il golfo di Alghero, i vigneti dell’azienda agricola consentono da sempre una produzione di elevata qualità.

Giovanni Battista Columbu, via Carmine 104 a Bosa, Oristano

Continuando l’itinerario di degustazione dei vini di Sardegna, si passa al pregiato Malvasia: il bianco storicamente prodotto dall’azienda Giovanni Battista Columbu, nota per la creazione dell’ottimo Malvasia di Bosa G.B. Columbu. Iscritta all’albo dei vigneti D.O.C. dal 1988, la cantina produce anche l’Alvarega, ottenuto sempre da uve malvasia.

Azienda Vitivinicola Fratelli Porcu, Località Su e Giagu a Modolo, Oristano

Anch’essa specializzata nella produzione del Malvasia, la Fratelli Porcu nasce nel 1971 con vigneti a monocoltura, essendo iscritta all’albo D.O.C. dei vigneti dall’anno successivo. È possibile, su prenotazione, fissare degustazioni guidate e visite ai vigneti.

Azienda Vitivinicola Ferruccio Deiana, Località Su Leunaxi a Settimo San Pietro, Cagliari

L’itinerario ci porta nella zona di Cagliari, dove in località Su Leunaxi sorge Ferruccio Deiana, noto produttore in particolare del Vermentino, ma anche di Malvasia, Moscato, Monica, Cannonau e Carignano. L’azienda unisce le tradizioni vitivinicole all’utilizzo di evoluti impianti enologici di vinificazione.

Cantina del Giogantinu, via Milano a Berchidda, Olbia-Tempio

La tradizione del Vermentino continua nella zona della Gallura, nell’area nord-orientale dell’isola, con la moderna Cantina del Giogantinu: mezzo secolo di esperienza che, unita a avanzate tecnologie, permette la produzione di vini dall’elevato livello qualitativo e dalla forte personalità.

Azienda Vitivinicola Fratelli Serra, via G. Garibaldi 25 a Zeddiani, Oristano

L’itinerario di degustazione dei vini di Sardegna si chiude con la Vernaccia: vino bianco secco, dal colore giallo ambrato, viene prodotto principalmente nella zona di Oristano. L’Azienda Vitivinicola F.lli Serra rappresenta uno dei maggiori produttori di questa qualità di vino fin dagli anni ’50: è la prima azienda sarda ad aver ottenuto il riconoscimento D.O.C. con la Vernaccia di Oristano.

Cantina Sociale della Vernaccia, via Oristano 6 in Località Rimedio, Oristano

È proprio grazie alle produzioni di questa cantina, nata nel 1953, che la Vernaccia di Oristano è stata conosciuta e valorizzata a livello internazionale: è proprio nella zona intorno alla città di Oristano che il clima e il terreno presentano le condizioni ideali per la produzione della qualità più pregiata di questo vino.

Il viaggio nel mondo dell’enogastronomia del Bel Paese ci ha portati anche in Piemonte: scopriamo i migliori itinerari enogastronomici della regione e le migliori enoteche di Torino.

Commenti

    Lascia un tuo commento