American ExpressApple PayBonifico bancarioContantiAssegnoCirrusMaestroMastercardPayPalSatispayVisaVisa Electron
Ritenzione idrica
Cura e benessere della persona

Ritenzione idrica

Come smaltire i liquidi in eccesso

Redatto il:
Ultima modifica:

La ritenzione idrica è un disturbo molto diffuso che colpisce circa il 30% della popolazione italiana femminile. La ritenzione idrica è la tendenza dell’organismo a trattenere i liquidi, ad accumularli negli spazi interstiziali, tra cellula e cellula, causando un gonfiore anomalo di determinate zone del corpo: addome, cosce, glutei e caviglie. L’organismo non riesce a smaltire i liquidi correttamente a causa di disfunzioni del sistema circolatorio che riguardano soprattutto vene e vasi linfatici.

Ritenzione idrica cause

Le cause delle ritenzione idrica possono essere molte e alcune molto serie. Tra queste, alcune disfunzioni cardiovascolari o renali, patologie della vescica o del fegato e reazioni allergiche.

Nella maggior parte dei casi però la ritenzione idrica è causata da uno stile di vita scorretto e da cattive abitudini alimentari. Le principali cause della ritenzione idrica sono:

  • eccessiva sedentarietà
  • fumo
  • abuso di alcolici
  • abuso di caffè
  • alimentazione troppo ricca di sale
  • l’assunzione di alcuni farmaci: antinfiammatori, cortisonici, estroprogestinici

Ritenzione idrica rimedi

Escluse le patologie importanti, come insufficienza renale o cardiaca, ipertensione o allergie, esistono alcuni rimedi naturali contro la ritenzione idrica che riguardano lo stile di vita e le abitudini alimentari.

Ritenzione idrica e attività fisica

Considerando che all’origine della ritenzione idrica c’è spesso una stasi della circolazione venosa e linfatica, è consigliabile dedicare del tempo all’attività fisica, praticare uno sport con regolarità, come il nuoto, l’acquagym o il nordic walking. Se ti interessa sapere di più sul nordic walking, leggi anche: Cos'è il Nordic Walking

Per combattere la ritenzione idrica basterebbe anche semplicemente camminare a passo sostenuto per 30 minuti al giorno ed evitare di stare a lungo in piedi senza muoversi.

Se gli impegni sono troppi e non si riesce a dedicare il giusto tempo all’attività fisica, è necessario trovare piccoli espedienti che consentano di fare movimento durante le normali attività quotidiane: prendere meno l’auto e camminare di più o utilizzare la bici, fare le scale a piedi anziché usare l’ascensore.

L’attività fisica ha inoltre il vantaggio di prevenire o ridurre il sovrappeso che, rallentando la diuresi, favorisce la ritenzione idrica.

Ecco qualche indirizzo per iniziare a praticare attività fisica regolarmente:

EMStreet | Milano

Virgin Active Roma EUR | Roma

Eracles Group |Napoli

Dieta contro la ritenzione idrica

Correggere le proprie abitudini alimentari è un altro efficace rimedio contro la ritenzione idrica.

La dieta contro la ritenzione idrica prevede l’assunzione regolare dei seguenti alimenti:

  • frutta e verdura di stagione
  • banane, albicocche disidratate, avocado, kiwi e altri alimenti ricchi di potassio, noto per le sue proprietà drenanti
  • cereali integrali e alimenti ricchi di fibre, per prevenire la stitichezza, un disturbo che ostacola il deflusso venoso a livello addominale
  • acqua oligominerale in abbondanza, almeno due litri al giorno

E’ consigliabile inoltre di ridurre il consumo di dolci, di alimenti ricchi di grassi e cibi che contengono molto sale. Meglio bandire bevande zuccherate e alcolici e bere il caffè con moderazione.

Commenti

    Lascia un tuo commento